Educazione Biocentrica: il dipartimento scuola di FIABA incontra la Biodanza nel parco botanico della Villa Ormond di Sanremo

Pubblicato il Pubblicato in articoli - attività di formazione, Uncategorized

Il 24 e il 25 giugno 2017 la Prof.ssa Rosanna Voglino, insegnante di Biodanza secondo il sistema di Rolando Toro, ha incontrato a Villa Ormond i docenti del Corso di Formazione Nazionale FIABA ‘Metodi e Pratiche della Mediazione Culturale in ambito scolastico e sociale‘.

La scuola, tradizionalmente luogo d’incontro di culture differenti tra loro, crocevia di lingue, religioni e provenienze geografiche, riveste un’importanza strategica per l’edificazione di una società che accoglie, rispetta, accetta e riconosce reciprocamente le differenze.

Mancanza di motivazione, insicurezza e aggressività, componenti facilmente riscontrabili negli alunni, già a partire dalle classi iniziali del ciclo di studi, richiedono d’essere affrontate con competenza e preparazione.

Ai docenti, convenuti nell’area esterna del parco, è stata così offerta l’opportunità di sperimentare in prima persona nuovi modelli educativi e relazionali capaci di mettere in risalto non solo gli aspetti intellettivi ed analitici ma anche quelli emozionali ed affettivi.

L’intero percorso si è svolto sotto la suggestione della musica, delle voci e delle percussioni di Fabrizio MELIS, capace di far emergere sensazioni, emozioni e sentimenti di cui spesso non siamo consapevoli.

La musica, il movimento del corpo, il contatto con gli altri, ribaltando l’esperienza che normalmente passa attraverso i filtri analitici del pensiero, hanno favorito l’emergere della parte più autentica della persona.

Attingendo dal patrimonio di molteplici culture, sono stati utilizzati brani musicali diversi per genere, epoca, melodia permettendo a ciascuno di entrare in sintonia con il proprio ritmo interiore e con il ritmo del gruppo.

Gli esercizi individuali, a coppie o in gruppo, sono stati proposti agli insegnanti come movimenti guidati, danze spontanee, giochi, emissioni di suoni con la voce e con strumenti, uso di colori, maschere e stoffe colorate.

Lungo lo snodarsi del laboratorio, i movimenti sono diventati più fluidi, armoniosi e integrati ed è aumentata l’energia vitale. E’ in sostanza avvenuto un processo di trasformazione che ha coinvolto il corpo a diversi livelli (neurologico, endocrino e immunologico), migliorato le funzioni biologiche e innescato processi di auto guarigione fisica, psichica ed emozionale.

La Biodanza, basata sull’Educazione Biocentrica, è una risposta eccellente alle esigenze che la scuola ha di promuovere l’evoluzione dell’essere umano e si propone di aiutare gli insegnanti sul piano pratico a gestire nelle classi la mancanza di motivazione, l’insicurezza e l’aggressività nei riguardi del diverso, dello straniero e di tutti coloro che sfuggono al riconoscimento sociale prevalente.

La crescente alienazione sociale, la solitudine individuale e l’incapacità nel riconoscere i bisogni fondamentali dell’essere umano conducono alcuni alunni/studenti a manifestare disturbi nel comportamento scolastico.

I docenti, da sempre impegnati a rincorrere i cambiamenti sociali in atto, richiedono informazione e formazione, conoscenza e pratica di modelli educativi e relazionali innovativi e, per questo, praticabili nelle scuole di ogni ordine e grado.

Il laboratorio pratico Educazione Biocentrica a scuola, inserito nell’intenso programma sanremese, è stato apprezzatissimo dai docenti per gli spunti pratici tratti e per favorire la coesione del gruppo, lo scambio delle esperienze e l’armonia.

Il Dipartimento Scuola di FIABA e l’Associazione Culturale Philosophie Arte d’Etre et de Vivre ringraziano Rosanna Voglino anche per il contributo offerto alla redazione della presente descrizione e la invitano con il percussionista Fabrizio Melis a replicare i laboratori all’interno delle nuove proposte formative FIABA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *